Cristina Buccino: “Le aziende usano il nostro corpo come un brand”

Dolce ed avvolgente Cristina Buccino alla fiera Aestetica alla Mostra d’Oltremare di Napoli, quasi si intimidisce quando si parla di bellezza: «È colpa delle aziende pubblicitarie se il nostro corpo diventa un brand, è una cosa positiva per loro, meno per noi».

Quasi rammaricata che non si vada oltre la linea delle sue curve, confessa comunque di essere una donna alle prese constantemente con l’estetica e di tenerci molto alla cura del corpo riempendosi di creme di ogni tipo oltre a condurre uno stile di vita sano.

A risponderle sul versante maschile il collega Francesco Monte. L’ex di Cecilia Rodriguez infatti rileva che: «Gli uomini si curano più delle donne e ormai è un processo irreversibile».

Lo sfogo di Cecilia Rodriguez nella Casa. Ecco perchè è finita con Francesco Monte

Cecilia Rodriguez torna a parlare con Aida e a Ivana della storia d’amore conclusa con Francesco Monte davanti a milioni di telespettatori . Non c’è una sola motivazione, spiega Checu ma la principale è che lui volesse cambiarla. “Io sono cambiata tanto – dice – cose buone altre meno, ma io così non son mai stata me stessa”.

I litigi con Francesco, racconta la sorella di Belen, sono sempre nati dalla sua estrema gelosia: “Io vado a lavorare e non posso cambiarmi davanti alla gente! E’ assurdo, questo è il mio lavoro non posso perdere tempo ad andare nelle altre stanze, non faccio niente di male. Anch’io sono gelosa,  ma se tu non manchi di rispetto puoi fare tutto!”
“La gelosia rovina tutte le storie!” dice Ivana Mrazova. Aida confessa alle ragazze che a lei un po’ di sana gelosia piace.

Cecilia sa di essere una persona molto distratta ma è convinta di non essere una ragazza che non dà attenzioni “se tu diventi il nucleo della mia vita, la mia vita gira tutto intorno alla tua! Io mi voglio sentire di essere libera di fare quello che voglio!”

Senza Cristina Chiabotto, Fabio Fulco ha il cuore a pezzi

Lʼattore non vive un momento tranquillo, ma spera di incontrare la donna della sua vita

“Sto vivendo un momento non sereno. Ma credo che arriverà quel che merito”. Fabio Fulco dopo l’addio da Cristina Chiabotto dopo 12 anni d’amore ha il cuore a pezzi, ma non smette di credere nell’amore. “Se mi innamoro do tutto me stesso. Se litigo, chiudo… Per sempre – racconta al settimanale Novella 2000 – La cosa più bella per me è invecchiare con la stessa persona. E’ l’unica cosa per la quale vale la pena sognare”.

“Sono tornato da un viaggio bellissimo in Cina, tra Pechino e Shanghai. Ho scelto di andare in Oriente perché era una etappa che mi mancava. E sono partito da solo. Questo era il momento giusto per staccare da certe situazioni. – racconta Fabio, che quando è uscita la notizia della rottura con la ex Miss Italia, ha fatto le valigie – Per far perdere le mie tracce. Sono stato dieci giorni lontano dal mondo: non funzionava internet, non ho avuto accesso a Whatsapp o Google. E forse è stato un bene”.

Tornato dal viaggio in solitaria si è chiarito le idee e ora Fulco è più convinto che mai: “Non sono mai stato dell’idea che chiodo scaccia chiodo. O che chiusa una porta si apra un portone. C’è un tempo per tutto e questo per me non è quello in cui sono alla ricerca di un nuovo amore. Devo rispettare i miei tempi, per dare rispetto anche alla persona che verrà. Ma continuo a credere nell’amore. Sono un sognatore e vorrei vivere una storia bella e lunga come quella dei miei nonni o dei miei genitori”.

Arrestata Rose McGowan, la prima accusatrice di Weinstein

Lʼattrice è stata poi rilasciata su cauzione

Arrestata per possesso di droga e poco dopo rilasciata con il pagamento di una cauzione di 5mila dollari. E’ successo il 14 novembre a Rose McGowan, l’attrice che per prima e in maniera più agguerrita, ha denunciato gli abusi del produttore Harvey Weinstein. Il mandato di arresto era stato ottenuto dal dipartimento di polizia dell’autorità aeroportuale di Washington, lo scorso febbraio, dopo che, ad un controllo bagagli dalla donna, era emerso il ritrovamento di tracce di cocaina.

La McGowen si è costituita personalmente al dipartimento di polizia di Loundon County in Virginia che si trova sotto la giurisdizione del Dulles International Airport, da cui è partito il mandato di arresto.

La notizia era diventata pubblica lo scorso ottobre, nelle giornate cruciali della vicenda Weinstein e in quell’occasione la McGowan aveva postato su Twitter: “Stanno tentando di farmi stare zitta?”.

L’attrice, accusatrice principale di Harvey Weinstein, ha dichiarato di essere stata violentata dal produttore nel 1997, in un hotel di Park City durante il Sundance Film Festival. Weinstein ha sempre negato che il rapporto non fosse consensuale, ma il Times ha divulgato la notizia di un accordo economico fra i due.

L’attrice in ottobre parlò pubblicamente dell’incidente alla Women’s Convention di Detroit. “Sono stata messa in silenzio per 20 anni – disse in quell’occasione – sono stata minacciata e denigrata, sapete cosa? Sono una di voi”. Qualche giorno dopo, nel pieno dello scandalo Weinstein, il regista Robert Rodriguez dichiarò di aver voluto la McGowan nel suo film “Grindhouse” proprio in seguito al racconto della donna delle violenze subite e, in conseguenza di quella sua decisione, di essere stato ostacolato in ogni modo dall’allora ancora potente Weinstein.