Nubi su Charlotte Casiraghi: due mesi dopo il parto è tornata single?

Sarebbe in crisi profonda il rapporto tra la principessa e Dimitri Rassam, ma a corte smentiscono. Guarda le ultime foto insieme con il figlioletto

Pareva quello giusto. E invece, anche questa volta la principessa neomamma si è ritrovata scompagnata. A due mesi dalla nascita del piccolo Balthazar, pare quasi ufficiale la rottura tra Charlotte Casiraghi e Dimitri Rassam, anche se a corte smentiscono e se la prendono con la stampa. Il settimanale Gente ha immortalato Charlotte e Dimitri pochi giorni fa mentre accompagnavano il bimbo a una visita di routine, ma le distanze tra i due paiono incolmabili.

Avevano tutte le carte per poter essere una bella coppia. Fin dalla prima apparizione in pubblico sono apparsi perfettamente in sintonia. Entrambi belli, sofisticati, intellettuali, accomunati dall’essere orfani di padre in tenera età, genitori di bimbi piccoli, figli di madri famose. Il rapporto tra Charlotte e Dimitri è partito subito in quarta, ma qualche avvisaglia di contrasti di coppia si è avuta con quel continuo rimandare le nozze fino a farle definitivamente sfumare. Lei intanto sfoggiava un bel pancione e le uscite mondane erano sempre meno. A fine estate, poco prima del parto, si raccontava addirittura di un litigio furioso in un parco monegasco. Poi forse la decisione di prendere strade differenti, anche se un comunicato ufficiale smentisce le voci di rottura. Ora sono stati fotografati insieme con Balthazar (per una visita di routine) e chissà se ci saranno possibilità di rivederli ancora innamorati.

Dolores OʼRiordan, la famiglia rivela: “Era terribilmente depressa”

Scotland Yard smentisce però le voci di una morte “sospetta” Intanto lʼalbum dei Cranberries vola nelle vendite (900%) e i Negramaro le dedicano una lettera

Aveva solo 46 anni Dolores O’Riordan, frontwoman dei Cranberries, trovata morta nella sua stanza all’hotel Hilton di Londra, dove stava registrando da qualche giorno. Sconosciute ancora le cause del decesso. Fonti vicine alla famiglia fanno sapere che nelle ultime settimane Dolores “era terribilmente depressa”, anche se Scotland Yard nega che si tratti di una “morte sospetta”. Intanto le vendite dell’ultimo album del gruppo sono aumentate di oltre il 900%. In Italia il più accorato omaggio è quello dei Negramaro, che su Facebook le indirizano una lunga lettera…

Dolores, la scorsa estate, aveva avuto problemi di salute che l’avevano costretta ad annullare il tour, comprese le date italiane. Si era parlato di dolori alla schiena, ma non erano state date notizie ulteriori. Così come ora non vengono forniti dettagli sulla sua morte, se non che è stata “improvvisa”. Scotland Yard, che in un primo momento aveva definito “non spiegata” la causa del decesso, nega però che sia “sospetta”.

In passato la cantante irlandese aveva sofferto di anoressia e secondo quanto riporta Tmz nel 2013 aveva tentato di togliersi la vita: soffriva di depressione. In alcune interviste aveva raccontato di aver subito degli abusi quando era bambina. Arrestata nel 2014 per aver aggredito in un aeroporto un poliziotto e una hostess pare che Dolores soffrisse anche di un disturbo bipolare della personalità. I funerali probabilmente si svolgeranno in Irlanda, dove la cantante sarà cremata.

“Ti ho vissuta sempre come un sogno. Lo sapevo che non avrei dovuto farlo. Avrei dovuto viverti come un giorno qualunque. Da sveglio, sveglissimo. Come una persona qualsiasi, magari conosciuta in un viaggio insieme. Avrei dovuto essere meno rispettoso delle distanze, come se non fossero mai esistite e, invece, ti ho trattato come una leggenda, perché questo sei per quelli come noi e per il mondo intero, per la generazione di “zombie” che hai lasciato orfani della voce più rivoluzionaria degli ultimi 40 anni. Avrei dovuto ridurle, quelle maledette distanze”… Comincia così la lunga lettera che su Facebook Giuliano Sangiorgi dei Negramaro pubblica per ricordare l’amica e collega Dolores O’Riordan, con cui ha inciso anche “Senza fiato”.

Sangiorgi ricorda il loro incontro per incidere la canzone: “Allora avrei capito che quella nostra canzone insieme stava succedendo davvero. E invece ho pensato: “non è possibile”, “non è reale”, “non sta succedendo a me, a noi”. È un sogno. Come un sogno ti ho sfiorato. Come un sogno ti ho salvato nel fondo più profondo della memoria. E come un sogno sei volata via. Eppure solo oggi ho realizzato davvero che sei passata dalle nostre vite, che mi hai attraversato gli occhi e il cuore in un giorno qualunque, in uno studio di registrazione qualunque, cantandoci addosso tutto il fiato che ci restava. E in quella canzone, in quel pomeriggio siamo davvero rimasti senza fiato.

Federica Nargi in bikini: Funny, Sunny, Italian

L’ex velina ha disegnato una capsule collection con 7 costumi dal nome evocativo

Il binomio bikini e velina diventa più forte grazie all’ultimo progetto di Federica Nargi, la capsule collection per il marchio I Am Bikini, che l’ha vista nell’inedita veste di designer, oltre che, ovviamente, di modella. Lookdavip ha indagato su questa nuova avventura della showgirl che, oltre alla conduzione di Colorado e al faticoso ruolo di mamma (di Sofia, 1 anno), ha voluto cimentarsi anche nel settore moda.

– I AM BIKINI: come nasce questo progetto e da quanto ci lavori?
Il progetto è nato perché sono diventata la testimonial del brand e parlando con i fondatori Mario Borgonovo e Amedeo Di Martino ci è venuta l’idea di collaborare creando una capsule collection. Sono sette costumi e ognuno ha un nome che rappresenta un’emozione o un aggettivo con cui mi definisco: Funny (divertente), Sunny (solare), Friendly (amichevole), Sparkly (frizzante), Happy (felice), Sweet (dolce), Italian (italiana).

– Qual è il capo della collezione che preferisci?
Sono sette modelli e non saprei scegliere! Mi piacciono tutti! Non vedo l’ora che sia estate.

– Quali sono state le difficoltà progettuali?
Non ce ne sono state! Ho cercato di pensare a ciò che le ragazze preferiscono e al mio gusto personale, dando vita a questi sette costumi, tutti diversi, tutti unici.

Alessandro Matri ti ha dato dei consigli? Se sì di che tipo?
No. Alessandro l’ho lasciato proprio fuori. Di solito gli chiedo sempre consigli, ma in questo caso ho voluto fargli una sorpresa. Gli ho dato solo qualche anticipazione.

– A parte Costanza Caracciolo, a chi regalerai uno dei tuoi costumi?
A tutte le mie amiche, a mia sorella, a mia madre… e ovviamente Costanza sarà una delle prime ad averli!

– Pensi che tua mamma indosserebbe i tuoi costumi? Quale le consiglieresti?
Certo che li indosserà! Le consiglierei il modello Italian, un costume a vita alta dal mood anni ’50, perfetto per il suo stile.

– Bikini o intero: in generale cosa preferisci?
Entrambi, dipende dal mio umore, ma sempre I Am Bikini!

– È cambiato il tuo fisico da quando sei mamma? E il tuo modo di vestire?
Sì certo, sono rimasta molto easy e sportiva, però a volte mi accorgo che preferisco indossare abiti più da “mamma”!

Stefano De Martino: “Non torno insieme a Belen Rodriguez”

Il ballerino: “Certi gossip mi fanno ridere”

Belen Rodriguez e Stefano De Martino hanno qualche possibilità di tornare insieme? Secondo i diretti interessati, si tratta di un capitolo chiuso definitivamente. Stefano De Martino, in particolare, ha rilasciato un’intervista al settimanale Vero, in cui smentisce qualsiasi probabilità di un ritorno di fiamma con l’ex moglie, e anzi, ammette che tutto questo gossip lo fa ridere.

Queste le parole di Stefano: Sono abituato a questo tipo di attenzione, spesso ci rido su. Anche perché se dovessi fermarmi a pensare di avere tutta questa attenzione nei miei confronti, mi verrebbe l’ansia a uscire di casa. Invece, per fortuna, vivo tutto con serenità.

Stefano, che ormai con Belen ha raggiunto un equilibrio anche grazie alla presenza del loro piccolo Santiago, che oggi ha quattro anni, non si è però espresso sulla sua vita privata. Qualche giorno fa è stato nuovamente ‘avvistato’ insieme alla donna con cui ha avuto una relazione quest’estate, Gilda Ambrosio. Non c’è nulla di certo, però, tranne che, almeno per il momento, è da escludere un ritorno con Belen.

Ponte del due giugno: cosa portare in valigia

Manca poco meno di un mese all’inizio dell’estate, eppure il ponte del 2 giugno è già una calda anticipazione sfruttata dalla maggior parte delle persone per fuggire dal caos della città e rilassarsi, preferibilmente in riva al mare. Ecco dunque i consigli di stile per organizzare una vacanze e una valigia perfetta.

C_2_fotogallery_3001719_0_image

Un paio di jeans e una t-shirt: evergreen di tutte le stagioni, specialmente quelle calde, l’accoppiata jeans e t-shirt rappresenta la buona vecchia coperta di Linus, si abbinano facilmente ai pezzi più disparati e vi fa sentire, sempre, a vostro agio.

C_2_fotogallery_3001719_9_image

Un cappello di paglia: per evitare di scottarvi con il primo sole e per mantenere un certo look, anche in vacanza, il cappello di paglia è indispensabile.

Tutina leggera: per il giorno e per la sera, le jumpsuit estive sono corte e divertenti, le potrete abbinare sia a dei sandali con zeppa che a classici sandali bassi. Sarete chic in entrambi i casi.
C_2_fotogallery_3001719_14_image
Giacca in jeans o bomber: un capospalla della mezza stagione è quello che ci vuole per ripararvi dal vento serale e dall’eventuale mal tempo. Scegliete giacca di jeans e bomber neutri, vi torneranno utili con qualsiasi abbinamento.

Abito lungo: se il vostro programma prevede uscite con gli amici o con il fidanzato, l’abito raffinato è – quasi – d’obbligo. Un consiglio? Meglio orientarsi verso il colore nero, sobrio e discreto ma ugualmente sexy, fa sempre il suo dovere.

Occhiali da sole: quasi inutile menzionarli, eppure può capitare di dimenticarsene. Non commettete questo errore, portate gli occhiali da sole sempre con voi e, se volte comprarne di nuovi, quest’anno osate un paio con una montatura bizzarra, vi serviranno per darvi un tono nonostante la scarsa abbronzatura.

Borsa per la sera e zaino per il giorno: tra una spiaggia e l’altra ci vuole qualcosa di pratico e comodo per muoversi con disinvoltura, uno zainetto in paglia è la soluzione giusta. Mentre per la sera puntate sullo stile gipsy, e scegliete una borsa o uno zaino in camoscio con frange.