Sarah Scazzi, il delitto di Avetrana diventa una fiction tra gelosie familiari e dramma

Il dramma della famiglia Scazzi diventa una fiction. L’omicidio di Sarah e le varie dinamiche familiari dietro il delitto di Avetrana diventano un docufilm.

La ragazza scomparse di casa a soli 15 anni, per essere ritrovata, settimane dopo, ormai cadavere. Dalle indagini sono emerse invidie e gelosie familiari, che hanno portato la famiglia Misseri, ad uccidere l’innocente Sarah. Il dramma del delitto di Avetrana viene raccontato nel programma di Rete 4 “Terzo indizio”, condotto da Barbara De Rossi. Due settimane di riprese nei luoghi del delitto e 8 attori, hanno ricostruito quello che la cronaca negli anni ha raccontato.

La docufiction si concentra sul contesto che ha portato al delitto di Sarah Scazzi, sulla ricostruzione degli ultimi mesi di vita della 15enne assassinata nell’agosto 2010, ed è rigorosamente basata sugli atti giudiziari. Per il suo delitto sono state condannate all’ergastolo Sabrina Misseri e Cosima Serrano, cugina e zia della vittima, per omicidio volontario, mentre lo zio, Michele Misseri è stato condannato a 8 anni per soppressione di cadavere e inquinamento delle prove

Belen Rodriguez – la showgirl argentina fa incetta di candidature seguita da Adriano Celentano

Le sue sono le “dichiarazione più imbarazzanti”, è la “scostumata dell’anno” e la “peggio vestita”. Belen Rodriguez fa incetta di candidature ai “TeleRatti” (anche il “prezzemolino dell’anno”), l’unico premio che elegge il peggio della televisione italiana. Ma la sexy showgirl argentina non è l’unica, in lizza ci sono anche Adriano Celentano e Maria De Filippi.

Indimenticabile, per quando riguarda le dichiarazioni più imbarazzanti, l’uscita di Belen del 22 aprile quando la showgirl ha commentato al Tg5: “Per la prima volta non dirò un bel niente della mia vita privata perchè comunque non giova”. Tra gli altri premi in palio anche “I 5 minuti da dimenticare” ovvero il peggior momento televisivo, in lizza l’intervista-strip Maria De Filippi-Gabriel Garko, l’intervento di Adriano Celentano a Sanremo 2012 e quello di Pupo sempre al festival della canzone.

Nelle altre categorie: il flop dell’anno, la peggior fiction, il peggior personaggio, il peggior programma del daytime, quello peggio di informazione e cultura, di intrattenimento e sportivo.