Gigi Buffon beato tra le sue donne: eccolo a cena a Milano

Il portiere ha festeggiato in unʼantica osteria con amici e parenti

Festa milanese per Gigi Buffon che per il suo compleanno ha scelto un’antica osteria lombarda. Ha spento 40 candeline circondato da parenti e amici, una trentina di persone tra cui ovviamente la compagna Ilaria D’Amico. Insieme alla giornalista, elegante e sexy con una gonna svasata, c’erano le sorelle del portiere della Juventus, Veronica e Guendalina con Stefano e Mario, l’amica Victoria Cabello e non solo. La torta? Da supereroe!

Si è mantenuto fedele al detto “pochi ma buoni” e così alla cena per brindare ai 40 anni il calciatore ha voluto le persone più care, ma soprattutto le donne di casa. Le inseparabili sorelle non gli hanno fatto mancare il loro affetto e Gigi è apparso più sereno ed emozionato che mai al fianco della sua Ilaria. E’ stata proprio la D’Amico ad organizzare la festa nel ristorante della vecchia Milano facendo trovare a Gigi la combriccola di amici. Sfoglia la gallery e guarda che torta da campione!Si è mantenuto fedele al detto “pochi ma buoni” e così alla cena per brindare ai 40 anni il calciatore ha voluto le persone più care, ma soprattutto le donne di casa. Le inseparabili sorelle non gli hanno fatto mancare il loro affetto e Gigi è apparso più sereno ed emozionato che mai al fianco della sua Ilaria. E’ stata proprio la D’Amico ad organizzare la festa nel ristorante della vecchia Milano facendo trovare a Gigi la combriccola di amici.

Avventure sulla neve: guarda cosa combinano i vip

Chi scia, chi slitta, chi pedala, chi si rilassa e chi si diverte

Dalle acrobazie di Alena Seredova sullo slittino alle foto ricordo di Filippo Magnini al traguardo, passando per la gita di Melita Toniolo con la carrozzina sulla neve e le pedalate di Elisabetta Gregoraci tra le cime bianche. Non solo sci, come Giorgio Rocca e Natalia Mastrota, ai piedi, ma anche spa e relax tra i monti per i vip. Anche solo per una toccata e fuga, come per Anna Tatangelo, tutti vogliono assaporare le temperature gelide.

Alena Seredova, di casa a Courmayeur durante le vacanze, se la cava alla grande con gli sport invernali: arrampicare sulle pareti ghiacciate o scivolare con lo slittino sono la sua passione e su Instagram Stories regala siparietti esilaranti con i suoi uomini, i figli Louis Thomas e David Lee avuti dall’ex Gigi Buffon, e il compagno Alessandro Nasi. Amante della montagna anche Natalia Mastrota, che ha appena annunciato che diventerà mamma tra pochi mesi. Mentre la neomamma Melita Toniolo ha portato il suo bimbo per la prima volta sui monti per una passeggiata sulla neve fresca.

Una calabrese in montagna preferisce invece dedicarsi alle pedale e poi rilassarsi nella spa con vista sulle cime innevate come Elisabetta Gregoraci, e Filippo Magnini, dopo tanta piscina, sceglie di rilassarsi guardando le gare… con gli sci.

Italia fuori dai Mondiali: gli azzurri non si qualificano per Russia 2018

L’Italia non andrà ai Mondiali di Russia 2018. Contro la Svezia, nello spareggio decisivo per la qualificazione, dopo la sconfitta di Solna gli azzurri non vanno oltre lo 0-0 a San Siro. A qualificarsi sono gli scandinavi. Giocatori azzurri in lacrime, da Belotti a Gabbiadini e Bonucci, sul terreno di San Siro, dove si è appena conclusa la partita di ritorno dei Play-off di qualificazione ai Mondiali in Russia.

Non succedeva dal 1958: l’Italia è fuori dai Mondiali. Dopo il pareggio di ieri sera 0-0 con la Svezia nel ritorno del playoff a San Siro, gli azzurri non si qualificano per Russia 2018. Il risultato ha gettato nella disperazione tifosi e giocatori e impressionato la stampa mondiale, che parla di “catastrofe”. ”Siamo profondamente amareggiati e delusi, è un insuccesso sportivo che necessita di una soluzione condivisa e per questo ho convocato domani una riunione con le componenti federali per fare un’analisi approfondita e decidere le scelte future”, questo l’amaro commento di Carlo Tavecchio, n.1 della Federcalcio.

Buffon in lacrime. «Dispiace per non per me, ma per il movimento, perché abbiamo fallito e anche a livello sociale poteva essere veramente importante». È un Gigi Buffon distrutto quello che parla a Rai Sport dopo l’eliminazione mondiale. «Questo è l’unico rammarico che ho, e non certo di perchè chiudo, perché il tempo passa, è tiranno ed è giusto che sia così. Mi dispiace solo che l’ultima partita ufficiale in nazionale sia coincisa con l’eliminazione».

Continua a leggere